| ND impianti | solare ed energie rinnovabili | - ND impianti tecnologici

ND impianti tecnologici
Via Del  Bianco, 24
09070 SAN VERO MILIS (OR)
Tel: 349 3720752


Codice Fiscale: NCCDNL76T09G113D
Partita IVA: 01150170957
e-mail:
ndimpiantitecnologici@yahoo.it
ndmanutenzioni@gmail.com
Vai ai contenuti

| ND impianti | solare ed energie rinnovabili |

Impianti
Bastano 8 metri quadri di pannelli per ogni KW

Il tetto ideale ha un’esposizione a sud libera da ombreggiature derivanti da edifici, infrastrutture, alberi o altri rilievi; anche altre esposizioni non troppo distanti da questa possono andare bene anche se con un minor rendimento dell’impianto (circa il 20-25%). La migliore inclinazione dei pannelli va dai 32° di Siracusa ai 38° di Bolzano e se necessario si utilizzano specifici supporti per orientarli al meglio.  La superficie necessaria dipende dalla capacità dell’impianto; in genere servono circa 8 mq per ogni KW di potenza installato, che arrivano a 10-12 mq in caso di tetto piano, per garantire la giusta distanza tra i pannelli inclinati verso il sole.

I principali componenti di un impianto fotovoltaico sono i moduli fotovoltaici (pannelli) che producono la corrente continua, gli inverter che ne operano la trasformazione in corrente alternata utilizzabile dai carichi domestici ed opzionalmente le batterie d’accumulo. L’energia prodotta e quella consumata o accumulata possono essere misurate con un sistema di monitoraggio che permette anche di segnalare malfunzionamenti o anomalie (pannelli che si sporcano, nuove zone d’ombra, …) dando la possibilità di intervenire.

Il sistema di monitoraggio può essere più o meno sofisticato: nel caso di impianti residenziali è in genere integrato nell’inverter e si limita a fornire i dati di produzione con visualizzazione locale o via app su smartphone, ma iniziano ad essere presenti sul mercato anche soluzioni più complete che permettono di avere in tempo reale non solo l’andamento della produzione, in funzione delle condizioni meteo, ma anche la quantità di energia scambiata con la rete, l’energia autoconsumata e quella accumulata, nonché il risparmio di CO2 correlato all’impianto.

(dal web)

Chiedici di più su questo argomento,
ND impiantitecnologici.
MCScom (C) 2017/2018
Torna ai contenuti